Primavera Sacra

Storie dal sottosuolo

Categoria: pensieri

A mezzanotte

Gli ospiti se ne vanno. Il tavolo ancora ingombro di stoviglie, bicchieri mezzi pieni, briciole di pane. Resta, sospeso nella notte estiva, il brusìo delle chiacchiere appena terminate. Parlare è facile. Basta trovare qualche argomento in comune con l’interlocutore. Ma il contatto vero, quello, è ben altra cosa. Perciò, dopo una cena con gli amici, e poco prima di andare a dormire, sento lo stesso disagio dello scenografo che smantella il palco.

Annunci

Per quanto possa essere lucida e chiaroveggente, la saggezza degli altri non potrà mai darti le risposte giuste, perché non è filtrata dalla tua pazzia.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: