Appello universale

di Secessionista


Il mio destino è alto

non perché sono chi sono

ma perché, molto più semplicemente

sono un essere umano.

Perciò aborro la guerra, le ingiustizie sociali

le prevaricazioni.

Tutta roba da individui sottosviluppati

che non riesco a chiamare persone.

Non importa quale sia il loro potere

il censo, il grado nella gerarchia sociale

niente di tutto ciò può classificarli umani

se pensano e si comportano da predatori.

Io rivendico a nome di tutta l’intera umanità

il diritto di credersi (e sforzarsi di essere) migliore di così.

Che un vasto movimento di idee spinga

fuori dal cerchio chi si macchia di delitti contro una creatura vivente.

Siano gli stolti arroganti che parcheggiano in un posto riservato ai disabili

senza averne diritto, o criminali capaci di distruggere un villaggio africano

per rubare tesori dal ventre della terra.

Nessun progresso può chiamarsi tale se lascia fuori anche un solo uomo.

Annunci