Vado via passando dal palco

di Secessionista


Iersera, dopo tanto, un piccolo concerto

poca gente, ma attenta, contenta

e si ripetè il mistico effetto

quel riflesso dei faretti

sulle cromature di una chitarra.

A guardarlo, bastano minuti per andarsene

dalla platea, andar dove non sai

di certo sul palco.

Di certo dentro la musica che rimbalza

da basso a tromba.

una voce, vi dico, un talento speciale

a passar da ironie gracchiate

a limpide corde maschie

sul filo del discorso

che ad un concerto, se riesce

porta lontano come il pifferaio

però con la mente lucida e il cuore gonfio.

Annunci