L’odore

di Secessionista


Un sentore di intimità attraversato da venature di aromi lattei. Lo stesso fil rouge che si dipana dalla tenera età di non so quanti anni. Mantenendo immutato il suo messaggio: “esiste un legame mistico, oltre il sesso e ben oltre l’amore, che totalizza l’inutilità della fusione e la meraviglia della perdizione”. Perché perdersi non è un talento diffuso, né tantomeno apprezzato. Esistono, dunque, stanze della realtà collocate dentrofuori; invisibili a chi tenta di osservarle da un solo lato della prospettiva. Solo in questi posti dimenticati è possibile saper come entrare in una figa per scoprirvi un mondo. Il resto, anche se qualcuno tenta di dirlo, è solo letteratura. Puro contrabbando di emozioni di seconda freschezza, come il salmone di Bulgakov.

Annunci